back to all posts

Piccolo terremoto nel settore dei pneumatici quattro stagioni

Published in a-ruota-libera by Mario Pieve, 0

Quest’anno per la prima volta gli automobilisti che cercano pneumatici quattro stagioni possono scegliere tra prodotti effettivamente validi da tanti punti di vista ed offerti dai brand principali, che fino all’anno scorso disdegnavano completamente questo settore del mercato.

Se si esclude Continental, unico produttore premium a non essere ancora disceso nella mischia ed a rimanere un purista dei pneumatici estivi ed invernali senza un all season in catalogo, sia Pirelli che Michelin hanno esordito con la loro versione di pneumatico per tutte le stagioni.

C’è da fidarsi?

In ordine temporale la prima di tutte è stata Pirelli, ad abbandonare la tradizionale politica di demonizzazione dei pneumatici quattro stagioni e lanciare un proprio pneumatico all season in grado di fornire buone prestazioni tutto l’anno; il Pirelli Cinturato All Season.

Poi Michelin ha sbaragliato tutti annunciando e lanciando sul mercato in pompa magna il suo Michelin CrossClimate, cercando di far passare il messaggio che non di quattro stagioni si tratta ma di un pneumatico adatto a tutte le stagioni, se siete confusi non preoccupatevi, lo siamo anche noi.

E per finire Nokian, casa finlandese con una reputazione ineguagliata nel settore dei pneumatici invernali è uscita anche lei con un “rivoluzionario” pneumatico quattro stagioni, il Nokian Weatherproof, anche lui in grado di garantire buone prestazioni in tutte le condizioni climatiche.

Che cosa è successo?

La risposta è semplice, il mercato ha assistito ad una domanda sempre crescente di pneumatici quattro stagioni, l’automobilista medio è più annoiato che altro di dover cambiare le gomme ogni sei mesi, e da tempo, sempre più, cerca una soluzione al problema.

Ma le grandi case fino ad oggi si sono sempre rifiutate di sfornare un prodotto decente. Il punto di riferimento da decenni era ancora il Goodyear Vector, che in tutti i test delle principali riviste automobilistiche otteneva si il miglior piazzamento nella sua categoria, ma lontano dalle prestazioni dei pneumatici dedicati, estivi ed invernali.

La crescita della domanda ha spinto i produttori premium come Pirelli e Michelin ha darsi una mossa, mettere al lavoro i propri ingegneri e sfornare pneumatici finalmente in grado di garantire veramente buone prestazioni in estate ed in inverno, a patto di non impiegarli in condizioni veramente estreme.

Test indipendenti ancora non ce ne sono, a parte quelli del TUV Sud sui Cross Climate di Michelin, che hanno effettivamente confermato le promesse del produttore.

Anche i dati diffusi da Nokian, relativi ai propri test sui Weatherproof sono incoraggianti.

Per questo anche noi, per la prima volta ci sentiamo di consigliare questa nuova generazione di pneumatici quattro stagioni, pur sottolineando che essendo prodotti nuovi potremo giudicarne veramente le prestazioni, inclusa la durata del battistrada, solo dopo che avremo i dati di utilizzo degli automobilisti che li avranno testati questo inverno e la prossima estate.

 

Partecipa alla discussione

OPPURE
{{newComment.error.msg}}

Commenti

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo ed esprimere il tuo parere!