back to all posts

I migliori cerchi in lega da montare sulle auto

Published in a-ruota-libera, opinioni by Federico, (edited on 28/07/2021 ) 0

Grazie ai migliori cerchi in lega, si possono ottenere benefici a 360 gradi sulla propria vettura: molti automobilisti li scelgono per aumentare l’estetica dell’auto, senza sapere però che grazie ad essi è possibile incrementare anche le performance. Ciò si ottiene per via delle loro forme studiate per fini aerodinamici, per smaltire meglio il calore generato dai freni, e per il peso inferiore in confronto ai cerchi in acciaio. Un minor peso rende infatti il veicolo più agile e reattivo, riducendo i tempi di risposta nei cambi di direzione e in fase di accelerazione. Queste sono le ragioni che spingono sempre più automobilisti a puntare su cerchioni realizzati con tale materiale: vediamo dunque quali sono i migliori cerchi in lega da montare su un’auto.

  • Cerchi auto: quelli aftermarket sono una buona soluzione?

Per tutti coloro che puntano ad avere cerchi alternativi a quelli standard forniti dalla casa produttrice del veicolo al momento della vendita, l’aftermarket è senz’altro un’ottima soluzione. Sul mercato è disponibile una varietà pressoché infinita sia di cerchi in lega che in acciaio, con le indispensabili omologazioni e per tutte le esigenze, dunque non sarà affatto complicato trovare quelli giusti per la propria vettura e per le necessità di guida. In particolare, è proprio nell’aftermarket che si possono trovare i migliori cerchi, in lega o in acciaio, puntando sui prodotti dei brand di spicco del settore, fra i quali troviamo i marchi italiani MAK e Momo, che offrono cerchioni in lega all’avanguardia sia nell’estetica che nei principi costruttivi, resistenti e belli a vedersi, ma anche quelli in acciaio, per chi preferisce la solidità e usa la vettura in contesti più rischiosi.

I cerchi in lega più apprezzati nel 2021

Fra i migliori cerchi in lega, perciò tra i più apprezzati dagli automobilisti, troviamo i MAK Wolf da 19 pollici, che si fanno notare innanzitutto per un buon rapporto fra qualità e prezzo. A fronte infatti della qualità che caratterizza i prodotti del brand bresciano, si può contare su un costo contenuto che quindi li rende accessibili a numerosi automobilisti. Il design a cinque doppie razze è curato e con una certa dose di aggressività nel look, ma senza eccessi. Sono scelti anche da coloro che decidono di montare cerchi maggiorati, sfruttando le opportunità offerte dall’omologazione NAD che consente appunto di installare cerchioni di misura differente – più grandi oppure più piccoli – rispetto a quella indicata sul libretto di circolazione. Nello specifico, proprio i cerchi di dimensioni più grandi attirano l’interesse dei guidatori che vogliono cambiare il look di una vettura partendo dalle ruote.

Momo, una garanzia

Pure il nome Momo è una garanzia in fatto di cerchi, ecco perché non stupisce la presenza del Momo Revenge nella lista dei migliori cerchi in lega. Ad essere gradita in particolare è la colorazione nero antracite, nonché il design che vede le razze diramarsi dal centro del cerchione fino all’esterno. Un design sofisticato studiato per tutti coloro che non vogliono far passare inosservata la propria auto, a cominciare dalle ruote, per colpire con un impatto visivo notevole. Sono cerchioni dal piglio sportivo, quindi adatti più a vetture con linee aggressive che a quelle dal design elegante o classico, tanto da non temere neppure l’uso su pista. Come possiamo vedere, il Made in Italy è un punto di riferimento quando si parla di cerchi per auto, e soprattutto di quelli in lega, in cui la funzionalità non può non andare di pari passo con lo stile e il design.

Proposte alternative

Restando in Italia, un altro brand conosciuto e apprezzato è MIM TecnoMagnesio, che propone il modello di cerchi denominati Monza in tre colorazioni differenti: black, black mirror e il più classico silver, per coloro che prediligono finiture più tradizionali. Dall’aspetto decisamente aggressivo sono i cerchi Milano Evo, con cinque doppie razze che rientrano leggermente nella zona centrale aumentando così l’effetto dinamico e di tridimensionalità del cerchione. Offrono un’ampia compatibilità con numerose vetture, dalle utilitarie ai Suv grazie alle 5 misure disponibili, nelle colorazioni black, black mirror e silver. Tedesca è invece Dezent, i cui originalissimi TA stanno conquistando molti automobilisti, con il design particolare delle loro razze e la finitura che mescola l’argento per le superfici esterne e il nero per quelle interne. Indicati per chi desidera avere un elemento distintivo per l’auto fin dalle ruote. Disponibili nelle misure da 16, 19 e 20 pollici, quindi pure per chi vuole montare cerchi maggiorati.

Torniamo in Italia con Momo e OZ

Dopo un brevissimo excursus all’estero, torniamo in Italia per proporre altri due prodotti di aziende del Bel Paese. Ritroviamo Momo, che in questa classifica piazza anche il modello K2, che si caratterizza per delle razze dal design originale che esalta la doppia colorazione dei modelli black mirror e matt black mirror. È davvero singolare la finitura, con il nero opaco dominante sulla superficie alternato però nelle razze da inserti in colorazione argento collocati nella parte interna di ciascuna razza. Una scelta fuori dagli schemi, per chi vuole un tocco di originalità in più; sia per il tipo di verniciatura che per il design, sono più adatti a vetture sportive, e probabilmente il loro impatto visivo risulterebbe inferiore se montati su un’utilitaria.

Una soluzione aggressiva: i cerchi OZ

I cerchi OZ Formula HLT sono stati progettati e realizzati per una nicchia più ristretta di automobilisti: coloro che dispongono di vetture potenti e sportive e che non disdegnano di portarle spesso e volentieri in pista. Le razze hanno una chiara vocazione aerodinamica vista la loro sottigliezza che la colorazione nero opaco enfatizza ancora di più. Bellissimi da vedere, ma risulterebbero quasi un pugno in un occhio a bordo di un’utilitaria… I bulloni non sono a vista poiché riparati da una copertura studiata ad hoc che però a qualcuno potrebbe non piacere, pur risultando ben realizzata. Il principale punto a sfavore è il prezzo, decisamente elevato e che può scoraggiare molti dall’acquistarli. Il costo ad ogni modo è giustificato dalla ricercatezza del design e delle soluzioni estetiche, nonché dalla qualità dei materiali impiegati.

MAK Zenith: un prodotto più classico

Dopo una carrellata di cerchi dall’animo sportivo, ecco un modello dalle linee più classicheggianti, adatto anche a vetture non prettamente sportive. Parliamo del MAK Zenith in versione hyper silver, composto da cinque doppie razze dalla forma lievemente tondeggiante. Strette al centro, si allargano leggermente fino a ricongiungersi col bordo esterno del cerchione. Una soluzione valida per rendere accattivanti pure le auto di tutti i giorni, perché non si deve rinunciare allo stile nemmeno quando i propri spostamenti prevedono solo il tragitto casa-lavoro. Lo Zenith Hyper di MAK ha un costo inferiore in confronto ai modelli visti in precedenza, questo significa che è alla portata di un numero maggiore di automobilisti, offrendo comunque elevata qualità sia nei materiali che nelle finiture, dato che parliamo di uno dei migliori marchi del settore, apprezzato in Italia ma non solo.

– Perché scegliere i cerchi in lega per la mia auto?

Principalmente chi sceglie di montare cerchi in lega sulla sua auto lo fa per ragioni estetiche, ma queste non sono tutto, anzi: tale tipologia di cerchioni offre infatti dei vantaggi anche dal punto di vista funzionale, innanzitutto perché più leggeri e ciò permette di ridurre il peso delle masse non sospese, rendendo la vettura più reattiva e dinamica. Questo serve a migliorare la guidabilità e la maneggevolezza del veicolo, che avrà perciò tempi di risposta più rapidi. E il minor peso è utile pure per un altro motivo, in quanto grava in misura inferiore sui pneumatici, al contrario di ciò che avviene con i cerchi in acciaio. I design dei modelli in lega poi non guardano esclusivamente all’estetica, ma anche all’aerodinamica e sono studiati per favorire lo smaltimento del calore generato dall’impianto frenante e dal rotolamento delle ruote, evitando perciò surriscaldamenti in un’area dell’automobile piuttosto delicata. Insomma, i motivi per scegliere i migliori cerchi in lega da montare sulla propria vettura sono molteplici e non bisogna pensare che si tratti solamente di una decisione di natura estetica, bensì di un investimento da cui si possono trarre diversi benefici pure in termini di performance, sia nella guida di tutti i giorni che in quella più esigente su pista.

Partecipa alla discussione

OPPURE
{{newComment.error.msg}}

Commenti

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo ed esprimere il tuo parere!